Meglio poche notizie ma fondate


Dall’avvento dei social network in poi le informazioni scorrono veloci e senza verifica. Il blogger si sente giornalista e il giornalista si è mestamente dovuto adeguare, invece di imporre la propria professionalità. Si è così creata una confusione nella professione dell'”informatore” tale da cancellare la parola “etica” anche dal vocabolario della lingua italiana. Ma andiamo per ordine. Continue Reading